Come allungare la vita della propria batteria…

Matteo Aldamonte 29 settembre 2009 1

Il cellulare, è quasi superfluo ripeterlo e ricordarlo, rappresenta ormai una fetta fondamentale della nostra vita: anche non utilizzandolo continuamente, averlo sempre a portata di mano è una componente immancabile. Si è sempre raggiungibili, per conversazioni futili, o per emergenze.

Almeno sino a quando la batteria ci accompagna. Si, proprio la batteria: è lei a dare vita al nostro cellulare, ed è lei ad avere una propria vita, che l’utente dovrebbe tutelare, per ottenere una maggiore durata sia nel breve - l’utilizzo tra una ricarica e l’altra – che nel lungo periodo, ovvero l’intervallo di tempo tra l’acquisto di una batteria e l’altra.

Tutto dipende, come si diceva, dai comportamenti che l’utente assume nei confronti della batteria. Di luoghi comuni, di presunti atteggiamenti giusti o sbagliati, in giro, se ne sentono tanti. Noi di Ciak!Cellulare abbiamo raccolto tutti i consigli corretti, utili sia nei già citati breve e lungo periodo.

TRA UNA RICARICA E L’ALTRA…

SPEGNERE IL TELEFONO. Sembra così facile, eppure in molti non lo fanno. Quando si dorme, quando non si intenzione di essere disturbati, o quando ci si trova in una zona senza segnale, dove il cellulare attiva automatica la dispendiosa la funzione “roaming” (ricerca automatica del segnale), tanto vale spegnere il cellulare e garantire più durata alla batteria.

UTILIZZARE SOLO FUNZIONI UTILI. Fotocamere, connessioni, Bluetooth; tutto va utilizzato solo se strettamente necessario, soprattutto quando la batteria non è al massimo della carica, poichè queste funzioni rappresentano un dispendio di energia considerevole, e potrebbero condurci al rischio di rimanere “a piedi” in caso di necessità.

ATTIVARE LA MODALITA’ GSM. A dispetto di quella 3G/Dual Band, questa consuma all’incirca il 50% in meno, assicurando lunga vita alla batteria.

DISATTIVARE LA VIBRAZIONE. Se possibile, tale opzione andrebbe abbinata ad un utilizzo costante della suoneria, si, ma a basso volume. In ogni caso, la vibrazione consuma gran parte delle energie di un cellulare, e per questo che, se evitata, ne garantisce una durata maggiore.

NIENTE RETROILLUMINAZIONE. Si, anche questa può essere una misura utile. Magari, se proprio desiderate tenerla attiva, riducetene al minimo il tempo di spegnimento, così da ridurre anche i consumi.

TRA UNA BATTERIA E L’ALTRA…

UN BUON ESORDIO E’ IMPORTANTE. Appena acquistata, la batteria necessita di un tempo di carica ben definito, che può corrispondere alle 16 ore per quelle in Nikel, ed a 5\6 ore in quelle a Litio. In entrambi i casi, rispettate i tempi pieni.

CARICARE CORRETTAMENTE. Il discorso è il medesimo: se dovete uscire, ad esempio, non riducete il vostro telefono a mezz’ora di carica. Interrompere il procedimento è certamente dannoso, e ridurrà la vita della vostra batteria. Tutte le tipologie soffrono del cosiddetto “effetto memoria”: maggiori sono le cariche incomplete, e minore sarà la durata nel lungo periodo.

NIENTE SURRISCALDAMENTI. E’ importante garantire la temperatura ambiente. Niente surriscaldamenti, pertanto, legati all’esposizione al sole. Inoltre, qualora la batteria si presentasse troppo calda al tatto, questo rappresenterebbe una sua fine imminente: sostituitela, prima che possa causare danni anche al cellulare.

AMBIENTE PULITO E’ MEGLIO. Pulite correttamente i contatti della batteria, utilizzando del cotone imbevuto d’alcol, in maniera da mantenere sempre questa “collaborazione” efficiente.

di Matteo Aldamonte

One Comment »

  1. Tito 29 settembre 2009 at 21:37 -

    Degli ottimi consigli che qualcuno segue quando il telefono è appena comprato. Nessuno aspetta che la batteria si scarichi completamente per ricaricarla; specialmente se si ha un appuntamento, se si ha poco tempo anche solo 15 minuti sono sufficenti per non rischiare di compromettere la serata.

Leave A Response »